Quali sono gli ambienti e le associazioni vegetali che caratterizzano il monte di Portofino? Come si riconoscono un nocciolo da una roverella, l’edera maschio dall’edera femmina, lo stracciabraghe e il pungitopo? Lo sapevate che il corbezzolo in un certo periodo dell’anno ha contemporaneamente i frutti rossi della stagione precedente e i fiori bianchi di quella nuova, e che per questo è anche chiamato “la pianta degli italiani”?

E ancora, come si può costruire un erbario completo senza dimenticare nessuna informazione utile?

Nella giornata di giovedì 12 ottobre i ragazzi delle classi IIA e IIB sono diventati “detective” o, meglio, “plant detective” quando, accompagnati da due guide, sono usciti in escursione sul monte di Portofino, da Kulm a semaforo nuovo e ritorno.

Nel corso della giornata hanno osservato da vicino le diverse specie vegetali del parco ed i vari ambienti che vi si trovano, quello di bosco misto e quello di macchia mediterranea; hanno anche potuto raccogliere e catalogare dei campioni vegetali che in classe organizzeranno in una raccolta costruendo un vero e proprio erbario che, volendo, potranno poi integrare e arricchire autonomamente.

« 1 di 4 »